“L’EVAPORAZIONE DELLA RELIGIONE O UNA RELIGIONE DELLA EVOLUZIONE”

Ilia Delio*

Il 3 ottobre, festa del “transitus” di San Francesco d’Assisi, Papa Francesco ha firmato la sua nuova enciclica “Fratelli Tutti” , sull’ordine sociale e la fratellanza universale. Come nella sua precedente enciclica “Laudato Si’”, sulla cura della nostra casa comune, il Papa richiama l’attenzione sui problemi del mondo, la radicale disparità tra ricchi e poveri, la cultura drogata del consumo che ha conseguenze sul riscaldamento globale e un individualismo sfrenato, associato ad un eccesso di ricchezza. L’enciclica mira a promuovere un movimento universale verso la fraternità e l’amicizia sociale basato sull’amore compassionevole, seguendo la parabola del Buon Samaritano (Luca 10: 29-37)

Chi potrebbe opporsi ai valorosi sforzi di un leader mondiale che cerca di ripristinare un senso di bontà morale e giustizia nel mondo? Il mio scopo infatti non è smentire il Papa, il cui cuore sembra essere al posto giusto; ma per attirare l’attenzione sul problema più profondo che sta alla base dei problemi del mondo, cioè l’evaporazione della religione.

In questo senso, l’enciclica del Papa è allarmante. Gesù di Nazaret ammonì i suoi discepoli di non rimuovere la scheggia dall’occhio del fratello senza prima rimuovere la trave dal proprio occhio (Matteo 7: 3-5). Questo avvertimento trova il suo significato alla luce del consiglio del Papa al mondo.

Santa Chiara d’Assisi, che era la compagna spirituale di Francesco d’Assisi e conosciuta come la pietra più forte dell’intero movimento francescano, scriveva alle sue sorelle: “Dobbiamo essere specchi ed esempi l’uno per l’altro in modo da poter essere specchi ed esempi per il mondo.”

Se predichiamo gli ideali evangelici di Gesù, dobbiamo prima essere disposti a metterli in pratica. Dopotutto, se vogliamo che il mondo superi la sua dipendenza dal potere, dal denaro e dal progresso, allora dobbiamo essere disposti a dissociarci da queste cose; perché dove altro il mondo troverà la sua immagine?

Francesco d’Assisi era consapevole che per vivere una vita piena di Dio avrebbe dovuto sottoporsi ad una conversione del cuore. Tutte le grandi religioni del mondo promuovono una sorta di autodisciplina per riflettere la divinità. Ogni religione, a modo suo, si rende conto che non cambiamo il mondo, ma cambiamo noi stessi e il modo in cui vediamo il mondo. Una vita cambiata cambia il mondo. Questa è l’essenza di Francesco d’Assisi.

Il Papa patrocina grandi idee che non portano a imporre politiche pubbliche: giustizia, comunità, compassione e, soprattutto, sorellanza e fraternità. L’ironia del suo messaggio è che la Chiesa cattolica romana è l’istituzione più omofoba al mondo d’ oggi. Con un appello alla solidarietà umana e alla fratellanza, il Papa cerca di stabilire l’equità nel mondo, descrivendo una visione di fratellanza universale in cui “tutte le persone sono miei fratelli e sorelle, e … il mondo appartiene veramente a tutti”.

Ma senza una significativa revisione teologica e senza smantellare il patriarcato della chiesa istituzionale, il Papa parla con alcuni amici intimi mentre il resto del mondo si mette in fila per acquistare l’ultimo modello di iPhone.

Come possiamo dare un senso a questo in una chiesa che non considera le donne alla pari? Una chiesa che non permetterà l’ordinazione delle donne o anche la possibilità delle donne di predicare? Una chiesa che insiste per governare i diritti del corpo della donna? Una chiesa che esclude le persone LGBTQ dalla piena accettazione e non consente alle persone divorziate risposate di partecipare alla liturgia?

Come fa a dire il Papa al mondo cosa fare quando dirige un’istituzione basata su patriarcato, gerarchia e differenze ontologiche? Alcuni dei migliori studi critici oggi sul razzismo indicano la Chiesa cattolica come la vera fonte del problema del razzismo. I primi cristiani si sono distinti dagli ebrei come puri e salvati. In che modo il Papa cerca di stabilire un mondo di equità quando la dottrina teologica è radicata in una metafisica della sostanza, dove la mascolinità è ontologicamente superiore alla femminilità ed essere bianco è salvifico?

Secondo un recente articolo di Forbes, il Vaticano non è un modello di fraternità; piuttosto, è coinvolto in lotte di potere, comprese differenze ideologiche, abusi finanziari e una crisi irrisolta di pedofilia clericale che ha ridefinito la giustizia uguagliandola ad un rimprovero o alla perdita del lavoro senza procedimenti penali.

Il Vaticano è intriso di segretezza e clericalismo e sembra che non ci siano reali sforzi per ripulire le ragnatele che soffocano l’istituzione. Mentre Francesco lamenta i problemi del mondo, non riconosce che in molte aree, comprese l’assistenza sanitaria e l’istruzione, la vita globale è migliorata. Il tasso di povertà complessivo è diminuito negli ultimi 10 anni e, sebbene la strada da percorrere per equilibrare uno standard di vita globale sia ancora lunga, gli sforzi per raggiungerlo non sono del tutto assenti.

Il fatto è che la tecnologia ha accelerato il tasso di evoluzione negli ultimi 30 anni e i paesi in cui la tecnologia è cresciuta in modo significativo hanno anche visto una riduzione della povertà e miglioramenti nell’istruzione e nella sanità. La Cina ne è un esempio; così è l’India.

Il fatto che la tecnologia informatica abbia cambiato il panorama mondiale così rapidamente merita considerazione. Margaret Wertheim osserva che il cyberspazio ha iniziato a riempire un vuoto a metà del XX secolo. Abbiamo iniziato a studiare la materia, a conoscere la fisica quantistica e a inventare modi per estendere l’intelligenza umana.

È interessante notare che il Vaticano II e la nascita del mondo cibernetico sono eventi contemporanei; tuttavia, il Vaticano II non è mai stato attuato tanto da determinare un vero cambiamento nella chiesa. La cibernetica, d’altra parte, ha generato una nuova filosofia del transumanesimo e una nuova cultura della trascendenza umana. Per tutti gli scopi pratici, la tecnologia ha soppiantato la religione nel XX secolo.

Stiamo in una marcia tecnologica rapida ma non sappiamo dove stiamo andando, se stiamo andando insieme o se dovremmo andare avanti. Il ritmo dell’evoluzione tecnologica sta superando la capacità di riflessione umana e di scelte critiche e la velocità del progresso è impressionante. Il Papa vuole la fraternità universale, ma la comunità umana vuole una nuova vita.

Novità e creatività segnano la trascendenza umana. Seguendo la tesi del defunto storico canadese David Noble, la creatività è il segno della divinizzazione. Diventare come Dio è trascendere noi stessi, inventare, creare, andare oltre ciò che siamo per diventare ciò che non siamo. Questo è vero in Nord America come a Cochabamba o in Sudan.

Sfortunatamente, l’Occidente ha impresso la sua gigantesca impronta sulla faccia del globo e vuole che il mondo segua la sua massima: Dio è nella macchina e non più nelle chiese. Il resto del mondo lo segue perché il Dio della religione istituzionale è troppo bianco, mascolino, vecchio e praticamente morto.

La tecnologia oggi guida i mercati e il rallentamento dell’economia neoliberista sta ripensando la tecnologia lungo linee religiose ed etiche. Farlo richiede molto di più che proporre un’etica per il bene comune o riorganizzare le idee di Tommaso d’Aquino per soddisfare le esigenze del mondo. Abbiamo bisogno di una metafisica che coinvolga adeguatamente un mondo in pieno processo di cambiamento.

Abbiamo bisogno di una teologia che sia a suo agio con l’evoluzione, come ha chiesto Teilhard de Chardin: “Chi darà all’evoluzione il suo Dio?”

Senza una significativa revisione teologica e senza smantellare il patriarcato della chiesa istituzionale, è come se il Papa stesse parlando con alcuni amici intimi mentre il resto del mondo si mette in fila per il nuovissimo iPhone. La pandemia è uno specchio della disfunzione globale, come riconosce il Papa, ma mostra anche un mondo privo di un Dio credibile e di una fede vitalizzante, innovativa e creativa come le ultime tecnologie.

Ho il sospetto che Francesco parli al mondo perché nessuno lo ascolta in casa, o forse perché ha paura di parlare ai propri fratelli, paura di smantellare il culto di un sacerdozio patriarcale e di aprire le porte della chiesa a una vera comunità, in quella in cui le donne godono di pieni diritti e libertà.

Il mondo chiede una direzione, un Dio credibile, una vitalità di fede che non frena la crescita e il progresso. Il mondo cambierà quando le persone umane cambieranno, quando l’essere umano sarà potenziato dalla scintilla dell’amore interiore, quando la religione non è soffocante ma fonte di novità e creatività.

Abbiamo bisogno di una nuova religione terrestre, scriveva Teilhard de Chardin, di una religione dell’evoluzione, di un Dio che si senta a casa sua con l’incompletezza, col caos e con la complessità.

Aspetto che il Papa affronti questa preoccupazione.

*Ilia Delio, membro delle Suore Francescane di Washington, DC, è professoressa di Teologia all’Università di Villanova. È autrice di 22 libri, tra cui Making All Things New: Catholicity, Cosmology and Consciousness (Orbis Books 2015) e redattore generale della serie Catholicity in an Evolving Universe.

L’articolo è presente nella traduzione spagnola a cura di Magdalena Bennásar e Carmen Notario nel Boletìn de Religìon digital del 9/11/2020 . E’ stato tradotto in italiano da Coscione Giuseppe il 10/11/2020

One Reply to ““L’EVAPORAZIONE DELLA RELIGIONE O UNA RELIGIONE DELLA EVOLUZIONE””

  1. Siamo in cammino, veniamo da molto lontano, tanto è cambiato in noi e intorno a noi. La meta è lontana e la fede sorregge il pensiero: cambieremo tutto ritornando scevri e lindi da dove siamo partiti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...