LA TEOLOGA DORI REISINGER PARLA DELLA “VIOLENZA RIPRODUTTIVA” DEI SACERDOTI

Dalla pagina Fb di Paola Lazzarini Orrù, presidente di Donne per la Chiesa (sua traduzione) pubblichiamo questo articolo tratto da katholish.de

In un nuovo progetto di ricerca, la teologa di Francoforte Doris Reisinger ha indagato sui casi di abuso da parte di preti cattolici in tutto il mondo che avrebbero ingravidato le loro vittime minorenni o le avrebbero costrette ad abortire. “Spero che ci saranno più ricerche su questa forma di abuso per rendere più facile per le persone colpite parlarne”, ha detto Reisinger giovedì a una conferenza digitale sull’abuso di potere ospitata dalla Goethe University di Francoforte.

Ha espresso sorpresa per il fatto che non c’è stata praticamente nessuna ricerca su questa forma di violenza sessualizzata, che Reisinger chiama “violenza riproduttiva”. Ha lavorato con fonti dell’archivio dell’organizzazione Bishop Accountability, che è “il più grande archivio indipendente del mondo sulla violenza sessualizzata contro i minori nella Chiesa cattolica”.

In quell’archivio, ha detto, ha trovato “decine di casi simili” che coprono più di mezzo secolo. “Il più vecchio riferimento a un tentativo di aborto in un file personale che ho risale al 1949; il più recente procedimento giudiziario in un caso simile di cui ho i file ha avuto luogo nel 2019”, ha detto Reisinger.

In molti casi, ha detto, gli abusatori fanno credere alle ragazze coinvolte che “è una storia d’amore”. Le ragazze abusate spesso vedono gli obblighi di segretezza imposti loro dal perpetratore come una “sorta di colpa per procura” o si sentono responsabili della reputazione del perpetratore clericale, ha detto. “Molte si convincono ad abortire o – dopo la nascita di un bambino – a farlo adottare solo per questo”, ha detto Reisinger.

Secondo gli insegnamenti della Chiesa cattolica, non solo l’aborto, ma anche l’uso di contraccettivi e le gravidanze fuori dal matrimonio sono “dichiarate peccato”. Questo aumenta la vulnerabilità delle donne minorenni che sono rimaste incinte a causa della violenza sessualizzata dei preti. “Le ragazze colpite spesso sentono di non essere vittime ma carnefici – e gli attori della chiesa le confermano direttamente in questa convinzione”, ha detto Reisinger.

I perpetratori, d’altra parte, di solito sono rimasti impuniti all’interno della chiesa, ha detto. I preti colpevoli sono rimasti in carica per molti anni o decenni dopo gli atti, ha detto. “In nessuno dei casi che ho visto i sacerdoti sono stati sospesi a causa di questo”, ha detto Reisinger. Ex religiosa, Reisinger è coautrice del libro pubblicato a marzo, “Solo la verità salva”: Gli abusi nella Chiesa cattolica e il sistema Ratzinger”.
Il teologo morale cattolico Christof Mandry ha definito la nuova ricerca di Reisinger “inquietante”. Secondo lui, il problema degli abusi sessuali nella chiesa e nella società in generale spesso non è stato preso abbastanza sul serio in passato. C’è stata “una spaventosa facilità di abuso”, ha detto Mandry alla conferenza di Francoforte. Mandry ha studiato le narrazioni delle vittime di abusi.

Ha parlato di come la fragilità delle vittime, per lo più bambini e adolescenti, si incontrava spesso con “l’audacia e la perfidia degli autori”. Gli autori hanno sistematicamente costruito un rapporto di fiducia per sfruttarlo in seguito. (CBA)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...