PASQUA 2016

Antonio Greco

Dio, certe volte non si riesce a capire e ad accettare ciò che su questa terra i tuoi simili si fanno l’un l’altro, in questi tempi scatenati. Ma non per questo io mi rinchiudo nella mia stanza, Dio: continuo a guardare le cose in faccia e non voglio fuggire dinanzi a nulla, cerco di comprendere i delitti più gravi, cerco ogni volta di ritrovare la traccia dell’uomo, nella sua nudità, nella sua fragilità; di quest’uomo che spesso è diventato irriconoscibile. Sepolto tra le rovine mostruose delle sue azioni insensate” (Etty Illesum, 1943).

Questa riflessione, anche di speranza, di Etty è autentica e credibile perché scritta in un campo di concentramento nazista, liberamente scelto, prima di morire.

Dal mio piccolo mondo ovattato e tranquillo, però, non riesco a formulare auguri di Pasqua dopo i drammatici fatti (europei e mondiali che sfuggono al clamore dell’informazione!) di una settimana che per ragioni rituali, noi cattolici, continuiamo a chiamare “santa”.

La Pasqua biblica è liberazione dalla schiavitù politica dell’Egitto, è l’esodo da una terra di oppressione, è il passaggio dalla morte alla vita. Un mito, un sogno, una speranza?

E’ Pasqua se è accompagnata da uno scossone: “uno scossone di quelli che potrebbero fare epoca, perché sono convinto che non basti un Papa, neppure se si chiama Francesco, a modificare dal profondo stili e procedure che si perdono nella notte dei tempi. Occorrerebbe chiudere le chiese per non meno di cinque, dieci, vent’anni, motivando la scelta per fallimento e per restauro” (Paolo Farinella, in “la Repubblica” – Genova – del 20 marzo 2016).

E’ Pasqua se la nostra angoscia per questo terribile momento storico non ci toglie la gioia di una speranza, non rituale né retorica, e l’impegno concreto verso un mondo che non soffochi la libertà e la giustizia per i singoli e i popoli.

23 marzo 2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...