IL CONCORDATO STATO-CHIESA DIVENTI UN’INTESA

Quotidiano di Puglia, 11 febbraio 2021

Antonio GRECO e Maurizio PORTALURI

I Patti Lateranensi firmati l’11 febbraio 1929 sono ultranovantenni. Continuano a invecchiare anche le novità della revisione di essi del 1984. I tempi sono cambiati ma a ricordarci che queste strutture appaiono fuori dal tempo, soprattutto per la chiesa cattolica italiana, è la cronaca. In piena zona rossa, nel dicembre 2020, ragazzini muniti di mascherina giocano a calcetto nel campo di un oratorio di Chivasso. I vigili urbani irrogano una sanzione amministrativa anti-Covid. Il parroco impugna davanti al prefetto la sanzione con argomenti fondati anche sulla violazione dei Patti Lateranensi. 
Dopo ben 17 anni, lo scorso 14 dicembre, la ministra Azzolina e il presidente della CEI Bassetti hanno firmato un’Intesa per avviare la procedura concorsuale per gli Insegnanti di religione prevista dalla legge 159/ 2019. Non c’è ancora il bando, ma sono definiti i requisiti per potervi partecipare: «è prevista la certificazione dell’idoneità diocesana () rilasciata dal Responsabile dell’Ufficio diocesano», a causa della natura concordataria dell’IRC perché l’insegnamento è confessionale. 
Ci poniamo dinnanzi ai Patti Lateranensi (Trattato e Concordato) non da storici né da giuristi. Ragioniamo da battezzati-laici non sui fatti specifici di essi, già molto noti, come l’insegnamento della religione in una scuola laica, il meccanismo dell’otto per mille, le norme relative all’IMU sui beni immobili della Chiesa, dopo la sentenza della Corte di giustizia europea (Grande Chambre) del 2018.
Il nostro contributo vuol consistere nel soppesare alcune profonde tracce che il passato concordatario tra Chiesa e Stato ha lasciato nel presente e su cui occorre ragionare. La società odierna è molto diversa di quella del ’29 e del 1984 in cui, in meglio, è stato superato il Concordato del 1929. Si sono definitivamente affermati i valori liberali. Ma il clima e le ferite degli anni del Concordato non possono essere dimenticati. Ricordiamo la triste vicenda di Ernesto Buonaiuti su cui regna ancora oggi una damnatio memoriae. L’art. 5 del Concordato del 29, dopo aver previsto il nulla osta dell’Ordinario diocesano, recitava: In ogni caso i sacerdoti apostati o irretiti da censura non potranno essere assunti né conservati in un insegnamento, in un ufficio od in un impiego, nei quali siano a contatto immediato col pubblico. Questo articolo, mantenuto nonostante confliggesse in modo plateale con la Costituzione del 1948, era ritagliato appositamente sul caso di Ernesto Buonaiuti che insegnava storia del cristianesimo presso l’Università di Roma.
Ritornare sull’art. 5 non è per noi fare come quei paleontologi che, partendo da un ossicino, cercano di ricostruire l’intero scheletro. A noi interessa ricordare a Stato e Chiesa che, ad oggi, una grave ingiustizia e una violenza spietate fatte prima contro la libertà di coscienza di un prete, cittadino italiano, e poi in violazione della Carta costituzionale non sono state ufficialmente riconosciute e riparate. Sono stati aboliti, con la revisione del 1984, i privilegi della Chiesa cattolica incompatibili con uno Stato laico. Ma ne rimangono altri, riservati alla sola confessione cattolica. Nonostante un enorme contributo strutturale ed economico dello Stato in favore della Chiesa cattolica finalizzato ad un impegno comune in favore dell’uomo, lo stato di salute della seconda non è buono. Non lo diciamo noi. Basta fare riferimento a cosa papa Francesco, dal 2013 fino all’altro giorno, in più occasioni, ha detto di essa. La chiesa si trova in uno stato comatoso per cui ha chiesto la convocazione di un sinodo nazionale. Già nel 2013 il papa aveva chiesto alla Cei una spending review ecclesiastica, peraltro stabilita concordemente con lo Stato nel 1984: la riduzione delle 226 diocesi italiane a 100, per farle coincidere con le province. Il numero delle diocesi italiane è davvero spropositato (in Germania sono 27 , in Francia 100 , in Spagna 70 ). Al di là di una valutazione di merito sulla questione, questa disposizione concordataria c’è. O si rispetta o si cambia. La Puglia ha 19 diocesi, suddivise in 4 Province ecclesiastiche. La provincia di Lecce ha 4 diocesi suffraganee (Brindisi, Otranto, Nardò, Ugento). Ma su questa revisione impera il silenzio. 
Come non si è fatto ancora nulla, anche nelle nostre diocesi come nelle altre (eccetto la buona prassi della diocesi di Padova), in merito alla trasparenza amministrativa e alla pubblicazione dei bilanci diocesani. Il confessionismo di Stato è una stagione finita, essendo stato proclamato nel 1984 il principio di laicità. Ma quante sofferenze, fino a qualche anno fa, per i non cattolici in Italia! Le 13 intese ex art. 8 Cost, firmate dal 1984 al 2019, non bastano a coprire l’assenza di una Legge italiana sulla Libertà Religiosa che ad oggi il Parlamento italiano non ha saputo emanare. Riteniamo che il futuro di questo sistema sia un ritorno a una proposta del passato messa da parte, forse, perché non matura nei tempi in cui era stata pensata.
Nel 1938 ci fu un incontro in Svizzera fra mons. Rampolla e due esponenti comunisti, A. Donini ed E. Sereni. Rampolla chiese quale fosse la posizione del loro partito e fu lieto di apprendere che il Pci non aveva intenzione di rimettere in discussione il Trattato del 1929. Ma apprese anche con preoccupazione «che il crollo del fascismo avrebbe segnato la caduta del regime concordatario». La linea della Chiesa da quel momento fu netta. Il Trattato e il Concordato erano pezzi complementari di una stessa costruzione e la sorte dell’uno avrebbe inevitabilmente segnato la sorte dell’altro. Questa posizione trionfò nell’Assemblea costituente, grazie a Togliatti (cfr. R. Pertici, Chiesa e Stato in Italia, Il Mulino, 2009).
I tempi sono cambiati. Molte sarebbero le motivazioni che potrebbero spingere la Chiesa e lo Stato a prendere in considerazione la posizione di Donini-Sereni di separare il Trattato e il Concordato dei Patti. Il Trattato è giustificato dal sostegno del Vaticano alla globalizzazione della fratellanza, al superamento della crisi delle istituzioni mondiali, alla lotta al sovranismo, dentro e fuori i singoli Stati. Il Concordato, invece, firmato dal Vaticano per la chiesa italiana con lo Stato italiano, non ha più seria giustificazione. Se un rapporto tra Stato e Chiesa realisticamente è utile, sia trasformato in intesa tra Cei e Governo italiano, come per le altre confessioni. E nel Sinodo, imposto ai vescovi da papa Francesco, siano ridiscussi i contenuti.

Sulla vicenda di Buonaiuti rinviamo a https://manifesto4ottobre.blog/2018/11/22/ernesto-buonaiuti-storia-di-uningiustizia/

One Reply to “IL CONCORDATO STATO-CHIESA DIVENTI UN’INTESA”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...